CS Vicenza 13 Novembre 2012

Veneto: Spettacoli di Mistero, il cartellone entra nel vivo

TRA ANGUANE, STRIE E GROTTE
PAESI IN FESTA COL MISTERO

Ben sei appuntamenti col mistero questo fine settimana messi in campo dalle vivaci Pro Loco vicentine. Si va dalla mostra con spettacolo a Rossano, alla cena medievale e rappresentazione teatrale a Bolzano Vicentino, all’intera domenica dedicata alle streghe a Sossano, dal fantasma di Brenno nella canonica di Brendola, alla cena mediavale a Bolzano Vicentino fino all’assedio con fuga nelle grotte organizzato a Costozza.

VICENZA, 13 Novembre 2012- Dopo il successo dell’apertura alla sede Iat a Bassano del Grappa, cambia casa “Ars in Mysterium” la mostra d’arte itinerante dedicata al mistero veneto. Venerdì 16 Novembre, l’inaugurazione alle 20,30 in Villa Caffo a Rossano (apertura fino al 19 Novembre). L’esposizione, sotto la direzione artistica di Roberto Frison, rende tangibile il patrimonio immateriale delle leggende della pedemontana: anguane a salvanei, mazzarioi e fade e altri spiriti delle foreste e delle fonti. Le opere – una ventina - sono create con varie tecniche e materiali diversi, con colori, carta, vetro, ferro o ceramica da artigiani-artisti locali di ottima caratura tanto da esser il fiore all’occhiello della CNA Artigianato Artistico di Bassano. Info: 338 2827193 - 339 5669512, prolocoderossan@libero.it (vedi anche il video su You Tube http://www.youtube.com/watch?v=rS9sxKRxVzg). La mostra è inserita nell’evento “Ars e Mistero” del Centro Studi Ezzelino da Romano, Consorzio Pro Loco Grappa Valbrenta e CNA si sposterà, dal 24 novembre al 2 dicembre, al museo del tabacco di Carpané di San Nazario.

Nell’ambito degli eventi, Sabato 17 novembre alle 21, sempre a Villa Caffo, la Pro loco di Rossano presenterà "Il nobile, il diavolo e altre storie", ispirata alla vera storia del contenzioso sorto, nel diciannovesimo secolo, tra un nobile rossanese e il parroco del paese.
Sabato 17 Novembre, la Pro Loco di Bolzano Vicentino organizza una serata teatral-gastronomica dedicata alla presenza longobarda in terra vicentina. Alle 19, appuntamento al Teatro Ariston di Bolzano Vicentino per lo spettacolo in dialetto veneto di Sara Vettorello con la regia di Bruno Salgarollo, interpretato dalla compagnia teatrale I Duevillani. “La sparesàra longobarda”, questo il titolo della piéce, è una spassosa commedia ambientata una ventina d’anni fa a Dueville e che ha come protagonista la perpetua di don Bruno alle prese con gli scavi archeologici per il ritrovamento della necropoli longobarda che minacciano la sua coltivazione di asparagi. Dalle 21 ci si trasferirà al Ristorante Locanda Grego (via Roma, 24, Brendola), dove si potrà degustare una cena a tema: “A tavola con i longo-veneti” per gustare “pan del la casa cum ventraja” ovvero crostone con fegatelli ed animelle, “pasta cum sucus de damma” ovvero maltagliati con salmì di daino e poi spiedo di anitra, quaglia e coppa di maiale con polenta fritta. La cena è su prenotazione: Tel. 0444.350588.

A Brendola, Domenica 18 Novembre, “La lanterna magica racconta: il volto di Brenno”, spettacolo teatrale sul sagrato dell’antica chiesa di San Michele Arcangelo sulle orme di un fantasma che, pare, infesti la canonica. Il racconto, tra fantasia e realtà, è ispirato al dipinto senza nome custodito appunto in canonica e raffigurante un volto, forse quello di Brenno, famigerato Re dei Galli. Lo spettacolo teatrale sarà itinerante all’interno del paese dei Brendola, dalle ore 13.30. Prenotazione obbligatoria al 3498564654, partecipazione gratuita.
Sempre Domenica, ma a Sossano, “Se racontava a Sosande: de strie, de fazéle, de striòzi” sarà una intera giornata dedicata al mistero, alle figure mitologiche che hanno popolato fin dai tempi remoti l’immaginario popolare vicentino. Dalle 10 sarà aperto un mercatino nel parco di Villa Gazzetta, interamente dedicato a fate, folletti e anguane. Alle10,30 la presentazione del libro “Il maleficio dei Coboldi” a cura di Mauro De Luna, nel pomeriggio, dalle 14, animazione con racconti e danze dedicata ai bambini. Per i più grandi dalle 15,30 la conferenza curata dall’esperto di esoterismo Thomas Ubaldini sul tema “Entità fatate del Veneto”, alle 16.30, rappresentazione scenica del Gruppo Sossano, davanti alla Chiesetta dell’Olmo, alle 18,30, presentazione libro “Figlie della Terra” di Crystal Rain (pseudonimo di Sara Antoniazzi), storia di fantasia che parte però da dati reali come “la fontana delle streghe” nel bosco di San Pietro Mussolino e al legame con la natura delle donne celtiche. Si potrà pranzare e cenare in Villa Gazzetta, grazie all’allestimento della Pro Loco (consumazione a pagamento). La giornata si concluderà con l’intrattenimento musicale di Floran Phoen dalle 20, organetto diatonico, chitarra folk, armonica, cornamusa, flauti dolci, percussioni varie per una musica popolare che si lascia danzare.

Altro paese in festa, Domenica 18 Novembre, sarà Costozza di Longare, sui Colli Berici. Si andrà alla scoperta di quel reticolato di grotte scavate nella pietra calcarea che nei secoli hanno segnato la storia di questa comunità: le grandi grotte, da cui si accede attraverso un unico passaggio, erano utilizzate come deposito della comunità, ma anche come rifugio sicuro in caso di assalti nemici. Partendo dalla piazza da Schio, in centro paese, a partire dalle 15,30, si potrà quindi assistere alla rappresentazione teatrale itinerante “L’assedio di “Custodia” e il mistero di Eolo ovvero Costozza e la leggendaria grotta che respira”. Si assisterà alla ricostruzione di un assalto, quello del 1387, quando le truppe padovane misero a sacco tutto il territorio e assediarono i covoli di Costozza, ma senza successo. Si ricostruirà in modo leggendario l’annuncio dell’arrivo degli invasori e l’esodo dei popolani dal paese verso il sicuro rifugio nella grotta. Dentro la grotta si vedranno scene di vita quotidiana del villaggio medioevale e sarà raccontata la storia sul mistero del Dio dei venti, Eolo, che nel cuore della collina protegge la popolazione. Info Pro Loco: 338 3124651-0444 953399. Lo spettacolo si svolgerà a scaglioni di 100 persone tra giardini, vicoli e grotte (covoli). Nel centro storico si terrà, inoltre, il mercato di prodotti locali e ci saranno cantastorie e mangiafuoco.
Tutte le informazioni sugli spettacoli si trovano nel sito www.spettacolidimistero.it e anche sulla pagina Facebook dedicata a Spettacoli di Mistero.